RLS Corso Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza - Lezioni al via dal 1° giugno (videoconferenza)

Il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro, D. Lgs. 81/08 e s.m.i., prevede che in tutte le aziende soggette alla normativa sulla sicurezza venga eletto o designato il RLS. L’art. 47 indica che in tutte le aziende o unità produttive fino a 15 dipendenti il RLS venga eletto dai lavoratori al proprio interno oppure individuato tra i Rappresentanti Territoriali.

A seguito dell’elezione, il Rappresentante dei Lavoratori ha diritto ad una formazione apposita in materia di sicurezza sul lavoro tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi.

Sicurezza-2

RLS Corso per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza -

 Nell’ambito del piano di formazione previsto dal D. Lgs. 81/08, Upi Servizi ha inserito in calendario il corso per coloro che svolgono la funzione di Rappresentante dei Lavoratori perla Sicurezza in azienda (RLS).

Il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul lavoro, D. Lgs. 81/08 e s.m.i., prevede che in tutte le aziende soggette alla normativa sulla sicurezza venga eletto o designato il RLS. L’art. 47 indica che in tutte le aziende o unità produttive fino a 15 dipendenti il RLS venga eletto dai lavoratori al proprio interno oppure individuato tra i Rappresentanti Territoriali.

A seguito dell’elezione, il Rappresentante dei Lavoratori ha diritto ad una formazione apposita in materia di sicurezza sul lavoro tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi.

L’art. 50 del D. Lgs. 81/08 stabilisce le attribuzioni del RLS:

a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni; 
b) è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva; 
c) è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente; 
d) è consultato in merito all’organizzazione della formazione di cui all’articolo 37; 
e) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonchè quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali; 
f) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; 
g) riceve una formazione adeguata e, comunque, non inferiore a quella prevista dall’articolo 37; 
h) promuove l’elaborazione, l’individuazione e l’attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l’integrità fisica dei lavoratori; 
i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, dalle quali è, di norma, sentito; 
l) partecipa alla riunione periodica di cui all’articolo 35; 
m) fa proposte in merito all’ attività di prevenzione; 
n) avverte il responsabile della azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività; 
o) può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro. 

 Il corso di 32 ore viene organizzato in modalità videoconferenza in quattro giornate lavorative nei martedì del mese di giugno a partire dal giorno 1 giugno.

 Per informazioni ed iscrizioni potete contattare l’Ufficio Corsi allo 0331 1731022 o formazione@upiservizi.it

Comments are closed.